Isola della Reunion

Isola della Reunion

Da qualche parte al largo della costa del Madagascar, a 9000 km da Parigi , c’è un piccolo pezzo di Francia che galleggia nell’Oceano Indiano.

Nonostante sia molto, molto lontana dalla sua patria, l’isola della Reunion fa parte della Francia. L’isola di 51 km di larghezza fa parte della costa africana e ospita circa 900.000 persone.

L’isola è tropicale e vanta tutt’intorno alla sua circonferenza spiagge bianche, sabbiose e acque turchesi.

Mi sono preso un po ‘di tempo per capire meglio come funziona questa storica colonia francese e cosa ci si può aspettare da un viaggio lì. Posso concludere che la Reunion Island potrebbe essere una delle parti più trascurate ma imperdibili della Francia – ecco perché:

La storia della Francia e dell’isola della Reunion

Conosciuta dai francesi come La Réunion, l’isola ha ritrovato i suoi primi coloni nel 16 ° secolo quando i migranti di Francia e Madagascar si diressero verso le sue coste.

La schiavitù nelle colonie francesi fu abolita il 20 dicembre 1848. Ogni anno questa data è celebrata in tutta l’isola. L’isola stessa è stata soprannominata in realtà un dipartimento d’oltremare della Francia nel 1946.

Non ci sono molte informazioni disponibili sulla vita sull’isola di Reunion prima dei coloni che arrivarono nel XVI secolo. Si può immaginare che gli indigeni di questo territorio furono rapidamente spazzati via dalle forze europee o spinti in schiavitù fino alla sua abolizione molti secoli dopo.

Oggi, La Réunion è un’estensione della Francia e sia la valuta che la lingua sono le stesse.

Arrivare dalla Francia all’Isola della Reunion

Poiché la Francia e l’Isola della Reunion non sono tecnicamente luoghi separati, il volo tra le due località è semplicemente un volo interno. Sì, ci vogliono 11 ore per arrivare da un posto all’altro – ma entrerai ed uscirai nello stesso modo in cui faresti con qualsiasi altro volo interno alla Francia; nessuna procedura di immigrazione o controlli di sicurezza.

Un volo da Parigi a Reunion Island si può trovare a poche centinaia di euro. Tecnicamente potresti svegliarti nella capitale francese, gustare un caffè e un croissant sulla Senna e magari fare un tour guidato a piedi gratuito per la città prima di dirigersi verso l’aeroporto Charles de Gaulle e arrivare all’isola per una cena a tarda sera sulla sabbia – bellissimo!

Curiosità sulla Francia e sull’isola della Reunion

La strada più cara costruita in Francia è sull’isola della Reunion. La strada costiera di Saint-Denis è stata costruita di recente per risolvere i problemi di frana che il porto dell’isola ha da anni.

La nuova strada è lunga 12,5 km ed è costata 1,66 miliardi di euro a causa delle colonne che dovevano essere costruite dall’oceano.

Saint-Denis, che è la capitale dell’isola, è anche la ventunesima città francese; e ufficialmente la più grande città francese non fisicamente collegata alla terra di Francia.

L’isola della Reunion ospita le piogge più intense del pianeta. Mentre la maggior parte dell’anno viene passata tra giornate di sole e surf, ci sono periodi di piogge intense in cui l’isola registra record in termini di misurazione della dimensione del cicloni.

La vita nell’Isola della Reunion

A parte la stagione umida, la vita a La Réunion è quella di una tipica isola turistica. Sole, sabbia e relax sono all’ordine del giorno e, sorprendentemente, l’isola non è invasa dal turismo o dai resort.

A differenza della Francia, e in particolare della capitale di Parigi, c’è solo un hotel a cinque stelle in tutta l’isola. Lux Saint Gilles si trova sul lato ovest ed è alla pari con le esperienze di hotel a cinque stelle che abbiamo imparato ad apprezzare a Parigi.

Le imponenti infrastrutture che si trovano a Parigi sono riuscite a diffondersi anche nella regione insulare. Le strade di La Réunion sono ampie e regolari; il traffico scorre liberamente ed i lavori in corso sono completati abbastanza in fretta.

Quando visitare Parigi e l’isola della Reunion

Una cosa singolare è che, nonostante Parigi e la Reunion Island facciano parte dello stesso paese, si trovano in fusi orari completamente diversi … ed emisferi!

L’ estate a Parigi significa l’inverno sull’isola della Reunion e viceversa. Grazie alla natura tropicale di La Réunion, tuttavia, l’inverno è praticamente inesistente e le temperature non scendono mai sotto i 20 ° c.

Mi viene spesso chiesto quando è il momento migliore per visitare Parigi, e faccio fatica a rispondere ogni volta. Parigi è mozzafiato in estate con tutta la vegetazione in fiore c’è qualcosa di altrettanto magico nel visitare la Tour Eiffel che brilla in una fredda notte d’ inverno mentre si gironzola per i mercati natalizi.

Scegli il periodo che preferisci, se vuoi visitare entrambi. Puoi stare tranquillo sapendo che per visitare l’Isola della Reunion basta prendere un volo interno e troverai sempre estate e sole! Il volo interno più lungo del mondo, sì … ma comunque interno!