5 motivi per visitare l’Italia via fiume

Nel nostro splendido Paese, vi sono numerosi corsi d’acqua che hanno da sempre consentito un rapido trasporto di uomini e di merci. Oggi questi splendidi fiumi sono divenuti gli strumenti e i mezzi per poter ammirare le italiche bellezze sotto una prospettiva completamente nuova e diversa. VacanzeWeb.net, che è un blog dedicato ai viaggiatori, propone 5 motivi per visitare l’Italia via fiume, genere di viaggi che magari erroneamente non tutti ritengono all’altezza.

Visitare l’Italia via fiume è, pertanto, una splendida occasione per poter ammirare una incredibile magnificenza paesaggistica naturale in un ambiente tranquillo. L’Italia è un paese ricco di patrimonio culturale, storico e architettonico, inoltre offre una produzione enogastronomica di rara eccellenza e genuinità.

Una visita attraverso i numerosi fiumi italiani permette di poter ammirare un piccolo mondo che si affaccia sulla vastità delle bellezze italiche. Anche se davvero sono tanti i motivi per visitare l’Italia via fiume, individuiamone cinque.

1

Navigando placidamente lungo il Po, che è il fiume più lungo d’Italia, si avrà occasione di poter attraversare alcune delle città più vitali del Paese, come ad esempio Torino, Piacenza e Cremona e, con i suoi rami secondari, splendidi centri come Milano e Ferrara. Luogo poi di grande valore è il Delta del Po.

2

L’Adige è il secondo fiume più grande d’Italia dopo il Po. Ha origine sulle Alpi, e segna la zona di confine tra Italia, l’Austria e la Svizzera. Piccola curiosità: il fiume Adige forma un lago artificiale situato al Passo Resia, appena oltre la valle. Questo lago è conosciuto perché nasconde, al suo interno, i resti di un villaggio abbandonato, il cui campanile della chiesa si erge ancora dalle sue acque. Nei suoi oltre quattrocento chilometri attraversa incredibili località come Bolzano, Trento, Verona, oltre che Padova, Rovigo e Venezia.

3

Il Piave, considerato come fiume sacro alla Patria, ricorda le eroiche battaglie combattute sulle sue sponde durante la prima guerra mondiale. Sorge nelle Alpi Carniche e dopo aver attraversato tutto il Veneto, bagnando le provincie di Belluno e di Treviso, si getta nel Golfo di Venezia.

4

Altro storico e celebre fiume è il Tevere, considerato il terzo più grande fiume d’Italia, sulle cui sponde venne fondata nel 753 a.C. Roma. Il biondo Tevere nasce dal Monte Fumaiolo, in Romagna, e attraversa Toscana Umbria e Lazio. Bagna splendide località come Città di Castello, Umbertide e Perugia, lambisce Todi e attraversa Roma andando poi a sfociare nel Mar Tirreno.

5

Le origini del glorioso fiume Arno sono sul Monte Falterona, e oltre ad essere il fiume principale della Toscana, bagna storiche città come Firenze, Pisa ed Empoli.

Ma questa cavalcata di motivi per i quali merita di essere visitata l’Italia attraverso i suoi splendidi fiumi, non poteva non concludersi con il fiume Brenta che va dal Trentino Alto Adige alla Laguna di Venezia.

In questo luogo, che definire magico è alquanto riduttivo, infatti furono costruite, lungo le sue rive dalla nobiltà veneziana del XVI secolo, numerose ville, molte delle quali sono state realizzate su progetti di Andrea Palladio. Non per nulla la Riviera del Brenta, che collega Padova a Venezia, offre uno dei più piacevoli paesaggi, e oggi è possibile rivivere antiche emozioni anche a bordo di storiche imbarcazioni come il Burchiello.